Road to CAN 2021: Salah ancora out, torna Aboubakar, il Ghana cambia pelle

272

Oggi pomeriggio inizia il lungo viaggio verso la Coppa d’Africa (CAN) del 2021. Diamo un’occhiata ai convocati delle principali protagoniste, tra esclusioni eccellenti, graditi ritorni e interessanti novità.

ALGERIA
Il ct Djamel Belmadi sta cercando di mantenere il gruppo che ha condotto la nazionale algerina sul tetto d’Africa dopo 29 anni, ma non mancano comunque le facce nuove: per la prima volta, infatti, si vedranno il terzino destro Réda Halaimia (Beerschot/Belgio), il difensore centrale Maxime Spano-Rahou (Valenciennes/Francia) e il centrocampista del Paradou Adem Zorgane.
Tornano in nazionale, invece, il centrocampista Haris Belkebla, depennato dalla lista alla vigilia della Coppa d’Africa per una vicenda extracampo, e Hilal Soudani, l’attaccante dell’Olympiakos richiamato dalle Fennecs ad un anno di distanza dall’ultima volta. Sorprendente, infine, l’esclusione di Yacine Brahimi, ma in conferenza stampa Belmadi ha voluto sgombrare il campo dai dubbi, spiegando come quella del centrocampista offensivo dell’Al Rayyan non sia stata una bocciatura: “Brahimi non ci sarà per motivi personali“.  

Partite:
14 novembre: Algeria-Zambia
18 novembre: Botswana-Algeria

EGITTO
Inizialmente era stato convocato, ma alla fine nemmeno questa volta l’Egitto potrà contare su Mohamed Salah, protagonista nelle scorse settimane di una querelle con Ahmed Fathi sulla questione della fascia da capitano: il fuoriclasse del Liverpool è ancora alle prese con i postumi di un infortunio alla caviglia rimediato con il Leicester.
Ci sarà, invece, l’esterno Mahmoud Kahraba, mai più convocato dopo la fine del Mondiale di Russia, mentre sono quattro le novità assolute: Mahmoud Wahed (Al-Alhy), Marwan hamdi (Wadi Degla), Islam Eissa (Pyramids), Zizo Sayed (Zamalek).

Partite
14 novembre: Egitto-Kenya
18 novembre: Comore-Egitto

MAROCCO
Inutile girarci intorno: la grande sorpresa delle convocazioni di Vahid Halilhodžić è l’esclusione di Amine Harit. L’estrosa mezzapunta, protagonista di un ottimo avvio di stagione con lo Schalke 04 tanto da guadagnarsi a settembre il titolo di giocatore del mese in Bundesliga, non ha digerito la bocciatura, sfogandosi sarcasticamente sui social, ma il ct bosnaico non ha voluto sentire ragioni: “È per motivi legati alla disciplina, forse lo spiegherà anche in conferenza stampa“, ha spiegato lo stesso Harit, rivelando alla stampa il contenuto di uno colloquio telefonico privato con l’allenatore.
Mancheranno anche Younès Belhanda e Abderazak Hamdallah, che in questi giorni ha annunciato l’addio definitivo alla nazionale, mentre si rivede Youssef El Arabi, praticamente invisibile al vecchio selezionatore Renard.

Partite
15 novembre: Marocco-Mauritania
19 novembre: Burundi-Marocco

TUNISIA
Assenti di lusso anche per la Tunisia: mancherà, infatti, Anice Badri, lasciato a riposo dal ct Mondher Kebaier. Gradito ritorno, invece, per il pilastro della difesa Aymen Abdennour, che ha indossato per l’ultima volta la maglia delle Aquile di Cartagine nel marzo del 2017.
Chi, infine, se la infilerà per la prima volta è Adel Bettaieb, giovane punta del Dudelange promossa dall’U23.

Partite
15 novembre: Tunisia-Libia
19 novembre: Guinea Equatoriale-Tunisia

SENEGAL
Assente Balde Keita, poco impiegato in questo inizio di stagione al Monaco, torna Mbaye Niang, out Salif Sané per infortunio e poco altro. Non ci sono grandi sorprese nella lista di Aliou Cisse, a parte due inediti: il difensore del Lione Naby Sarr e il centrale Moussa Ndiaye, miglior giocatore dell’ultima Coppa d’Africa U20. Come loro avrebbe dovuto ricevere il battesimo di fuoco anche Mame Bab Thiam, ma un infortunio ha costretto il bomber dell’Alanysapor ad alzare bandiera bianca.

Partite
13 novembre: Senegal-Congo
17 novembre: eSwatini-Senegal

COSTA D’AVORIO
Reduce dai quarti di finale raggiunti nell’ultima edizione, dov’è stata eliminata dai futuri campioni dell’Algeria, la Costa d’Avorio inizia la nuova campagna con una buona notizia: gli elefanti, infatti, potranno contare su Louis Zaha, che ha recuperato a tempo di record da un infortunio alla gamba rimediato con il Crystal Palace.
Non ci saranno invece Gervinho, che in settimana ha ironizzato sulla sua assenza prolungata lanciando una frecciata al tecnico Kamara, Gbamin e Bailly, ancora ai box per infortunio. Torna, invece, Max Cornet, mentre per la prima volta, a 31 anni, si veste d’arancione il mediano Ibrahim Traoré, tra gli artefici dell’ottima Champions League disputata fin qui dallo Slavia Praga.

Partite
16 novembre: Costa d’Avorio-Niger
19 novembre: Etiopia-Costa d’Avorio

GHANA
L’eliminazione agli ottavi di finale all’ultima Coppa d’Africa ha riproposto il tema del ricambio generazionale, diventato ormai ineludibile. Non a caso, alla prima occasione Kwesi Appiah ha lasciato a casa molti senatori come Asamoah Gyan, recentemente accasatosi in India, Kwadwo Asamoah, Afriye Acquah e Christian Atsu, lanciando con le Black Stars sette novizi di belle speranze: tra di loro spiccano i nomi di Idrissu Baba (Maiorca/Spagna), Christopher Antwi-Adjei (Paderborn/germania) Mohammed Kudus (Nordsjaelland/Danimarca), Mohammed Salisu (real Valladolid/Spagna) e Mumuni Shafiu, bomber dell’Ashanti Gold grande mattatore all’ultima WAFU Cup in Senegal.

Partite
14 novembre: Ghana-Sudafrica
18 novembre: Sao Tome e principe-Ghana

CAMERUN
Il Camerun è qualificato d’ufficio alla prossima Coppa d’Africa, ma partecipa comunque alla fase eliminatoria. La prima lista “ufficiale” dell’allenatore portoghese è segnata dal grande ritorno di Vincent Aboubakar: il bomber del Porto, costretto a saltare l’ultima Coppa d’Africa, ha giocato la sua ultima partita con i Leoni Indomabili nel marzo del 2018.
Non mancano anche qui le novità, tre per l’esattezza: Haschou Kerrido, numero uno dei guineani del Kamsar, Franck Bambock, diga del Maritimo (Portogallo), e l’esterno Didier Lamke Zé, messosi in luce in questo inizio d’inizio di stagione con i belgi del Royal Antwerp.

Partite
13 novembre: Camerun-Capo Verde
17 novembre: Ruanda-Camerun

NIGERIA
Nessuna sorpresa eclatante, ma tanti ritorni per le Super Eagles: in attacco, ad affiancare Victor Osimhen, letteralmente inarrestabile in questo periodo con il Lille, ci saranno Ahmed Musa e Samuel Kalu, pienamente ristabiliti dai rispettivi infortuni.
Si rivedono anche Ola Aina, Kenenth Omeruo, Mikel Agu, che riabbraccia le Aquile Verdi dopo più di un anno, ma soprattutto Daniel Akpey, che approfitta dell’infortunio di Franciz uzoho per riappropriarsi dei pali nigeriani.

Partite
13 novembre: Nigeria-Benin
17 novembre: Lesotho-Nigeria

SUDAFRICA
Il Sudafrica sarà più o meno quello visto all’opera nell’amichevole di un mese fa con il Mali. Una sola assenza di rilievo: Keagan Dolly, ai box dopo un infortunio rimediato con il Montpellier. Dall’infermiera, però, faranno il percorso inverso Bongani Zungu dell’Amiens, Thami Mkhize del Cape Town City e Sifiso Hlanti, che proprio ieri ha conosciuto gli avversari del suo Bidvest Wist in CAF Confederation Cup.

Partite
14 novembre: Ghana-Sudafrica
17 novembre: Sudafrica-Sudan

Credits
Copertina ©Morocco World News

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here