COPPA D’AFRICA: I PRIMI TEST, SENZA MESSI

Terminate le qualificazioni per la Coppa d’Africa 2019, le big africane si apprestano a sfidarsi nei primi test match in vista del torneo che prenderà il via il 21 giugno prossimo.

Si comincia alle 17:30 con Ghana-Mauritania: le Black Stars hanno ottenuto il pass per l’Egitto con largo anticipo, un vantaggio che ha permesso al CT Kwesi Appiah di fare esperimenti già nelle ultime uscite del girone. “Non sottovaluteremo la Mauritania, non esistono più squadre minori”, ha dichiarato alla vigilia Appiah.
Oggi ad Accra verranno con tutta probabilità provati due giocatori dell’Asante Kotoko, il capitano Amos Frimpong e Kwame Bonsu, che hanno ben figurato nella fase a gironi della Confederation Cup in corso. Poi, nei prossimi mesi, bisognerà risolvere il contenzioso tra il CT e Kwadwo Asamoah, che in nazionale non sembra gradire la posizione di terzino sinistro che ormai da anni occupa in Serie A.

Alle 18:00 ad Abidjan la Costa d’Avorio di Nicolas Pépé, il migliore nel 3-0 al Ruanda, e Kessié (ma non ancora, di nuovo, di Gervinho) affronterà la Liberia reduce dalla delusione di Kinshasa, dove un gol di Bakambu le ha sbarrato la strada verso una Coppa d’Africa che manca dal 2002.

Alla stessa ora, al Stephen Keshi di Asaba, stadio intitolato alla memoria della leggenda del calcio nigeriano scomparsa nel 2016, la Nigeria ospiterà l’Egitto, il paese organizzatore della Coppa d’Africa, mai battuto negli ultimi cinque precedenti.
Odion Ighalo, ex Udinese e capocannoniere delle qualificazioni, sarà in panchina. Il portierino Uzoho, titolare ai Mondiali di Russia, andrà invece a rinforzare l’U23 impegnata nelle qualificazioni alla Coppa d’Africa di categoria.
Questo perché anche Gernot Rohr, così come Javier Aguirre, intende valutare nuovi giocatori per capire se ci sono altri elementi su cui può contare. Nell’Egitto è già nota l’assenza degli “europei” Mohamed Salah e Ahmed Hegazy e potrebbe tornare in campo la stellina dell’Al-Ahly Salah Mohsen.
Sempre alle 18:00 a Dakar si sfideranno Senegal-Mali nel remake della finale della Coppa d’Africa U20 dello scorso febbraio.

Alle 20:00 è l’ora della gara più prestigiosa. Il Marocco, che negli ultimi due anni ha acquisito enorme prestigio a livello internazionale, affronterà addirittura l’Argentina a Tangeri, sede delle Supercoppe di Francia e Spagna negli ultimi anni.
Dopo la formazione sperimentale schierata contro il Malawi, Hervé Renard tornerà al suo undici tipo, senza Hakim Ziyech e Youssef En-Nesiry infortunati.
Sarà assente, nella formazione argentina, anche l’attrazione principale della serata, Lionel Messi. La Pulga ha subito un leggero infortunio nella nefasta amichevole contro il Venezuela ed è rientrato a Barcellona. La sua assenza costerà alla Federcalcio argentina poco più della metà dell’incasso pattuito (1 milione di euro) per questa amichevole.

Alle 20:45 torneranno alle formazioni standard anche Algeria e Tunisia. Con un bilancio negli scontri diretti in perfetta parità (15 vittorie per parte e 15 pareggi in 45 gare) sarà un’occasione per entrambe per scavalcare la rivale regionale.
Ad Algeri assisteremo all’ennesimo episodio di un confronto che ha messo di fronte le due nazionali in circostanze spesso storiche. Come uno dei turni di qualificazione per accedere al Mondiale 1978, rassegna in cui poi la Tunisia diventerà la prima selezione africana a vincere una gara in Coppa del Mondo.
Inoltre, assisteremo alla sfida tra i due numeri sette, Riyad Mahrez e Youssef Msakni, tornato finalmente in nazionale dopo un lungo infortunio al ginocchio. I due giocatori più talentuosi varranno sicuramente il prezzo del biglietto, ma ciò che conta per Djamel Belmadi, che ha allenato Msakni all’Al Duhail in Qatar, e Alain Giresse è mettere a punto le rose per l’imminente ed equilibrata Coppa d’Africa. Perché il tempo stringe e le occasioni saranno poche.

Sarà la prima a 24 nazionali e la prima che si disputerà d’estate. Sarà anche la più spettacolare di sempre?

Credits
Copertina ©Eurosport.com
Ghana-Mauritania ©FFRIM
Algeria-Tunisia ©DZFoot.com