AFROZAPPING: COPPE E CAMPIONATI

29

GABON, STORICA SPONSORSHIP – Buone notizie per il calcio gabonese. La Gabon Oil, la compagnia petrolifera nazionale, ha infatti deciso di investire sullo sviluppo e la crescita del calcio locale, sponsorizzando i campionati di Ligue 1 e Ligue 2 per una durata variabile dai due ai tre anni. L’entità della partnership è piuttosto corposa: la Gabon Oil, infatti, si è impegnata a versare nelle casse della federazione circa un miliardo di franchi CFA, l’equivalente di circa un milione e mezzo di euro. L’importo, secondo quanto affermato dal Ministro dello Sport Alain Claude Bilié by Nze, verrà erogato in due rate.

LIBERIA, STRAPOTERE BYC – Come da consuetudine, con la finale di Supercoppa disputata nella cornice dello Stadio Antoinette Tubman di Monrovia, è cominciata la nuova stagione calcistica in Liberia. Passano gli anni, ma non cambiano i protagonisti. Ad aggiudicarsi il trofeo, infatti, sono stati i campioni in carica del Barrack Young Controllers, bravi e fortunati ad imporsi per 2-1 sul LISCR FC, finalista perdente dell’ultima finale di coppa sempre con il BYC. Un successo sportivo, ma anche economico, per entrambe le squadre protagoniste. Negli scorsi giorni, invece, la federazione ha distribuito ai club della lega circa tredici milioni di dollari liberiani, più o meno settantamila euro, come parte della degli accordi di sponsorship stipulati con la multinazionale delle telecomunicazioni Orange.

EGITTO, DIETROFONT AL-SHEIKH – Venerdì scorso il Pyramids FC sembrava vicino al passaggio di mano, con Turki Al-Sheikh pronto a vendere il club a un imprenditore emiratino. Alla fine lo sceicco più ambizioso e controverso del calcio egiziano sembra essere tornato sui suoi passi. A fargli cambiare idea sarebbe stata la famiglia del Pyramids, dallo staff tecnico ai giocatori fino ai magazzinieri, impegnati in un’opera di persuasione affinché il presidente restasse al timone: “La decisione di Al-Sheikh è arrivata dopo una serie di colloqui con funzionari del club, personale tecnico e giocatori, che alla fine lo hanno convinto a cambiare idea”, si legge in una nota ufficiale del club. Non solo: sabato, in occasione della gara poi vinta con gli Arab Contractors, il Pyramids ha indossato una maglia speciale, sulla quale campeggiava il volto sorridente di Turki Al-Sheikh.

MAROCCO, LABA INARRESTABILE – Il solito Iajour ha segnato una doppietta, ma non è bastato al Raja Casablanca per evitare la sconfitta nel derby di CAF Confederation Cup con il Berkane, probabilmente il risultato più sorprendente di questo turno. Decisivo, ancora una volta, il bomber Laba Fo Doh Kodjo, autore di una doppietta nel 2-4 finale. Il togolese, attuale capocannoniere del Botola Pro con dieci reti, potrebbe però presto cambiare squadra. Su di lui, infatti, si sono posate le attenzioni dei campioni d’Africa dell’Espérance di Tunisi.

BOTSWANA, ESONERATO BRIGHT – La Botswana Football Association ha sollevato dall’incarico l’allenatore David Bright. The Major, com’è soprannominato, si era seduto sulla panchina delle Zebre nel 2017 con l’obiettivo di qualificarle alla prossima Coppa d’Africa, ma le ultime cinque gare di qualificazione senza vittorie gli sono costate caro. “L’obiettivo, oltre a qualificarci per la Coppa d’Africa, era quello di avanzare di almeno 15 posizioni nel ranking FIFA. Ma questo non è successo ed è quindi giusto separarsi”, ha spiegato Mfolo Mfolo, CEO della federazione. Intanto a Gaborone è già scattato il toto-allenatore: al momento i più gettonati per la successione, sembrano essere i sudafricani Steve Komphela ed Ephraim Mashaba.

Credits
Copertina ©Goal.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here