Afrozapping: CAF snobbata, legame Marocco-RD Congo, Zamalek TV

315

Su Afrozapping le 5 notizie della settimana sul calcio africano: dalla scarsa considerazione nei confronti della CAF, al lancio della TV dello Zamalek, dalle proficue operazioni di mercato tra Marocco e RD Congo all’esordio record di un calciatore dell’Asante Kotoko. Con il Platinum che smantella.

CAF AWARDS, UNA CERIMONIA NON CONSIDERATA

Domani nella costiera e turistica Hurghada in Egitto si terrà la cerimonia dei CAF Awards. Verranno assegnati premi ai protagonisti del calcio africano che militano nel continente e nel resto del mondo. Naturalmente, oltre alle leggende continentali e mondiali (tra cui Cafu e Verón), la scena la ruberanno, come da anni a questa parte, gli africani che giocano in Europa. O forse no. Perché Riyad Mahrez e Mohamed Salah, due dei tre candidati al premio di miglior calciatore del 2019, avrebbero comunicato alla CAF la loro assenza. Se l’algerino sarebbe giustificato per la concomitante semifinale di League Cup, non si hanno ancora notizie sull’eventuale motivo che impedirebbe all’egiziano di presenziare. Tutto ciò ha scatenato nuovamente un grande dibattito nel continente sulla scarsa considerazione che l’Europa e gli stessi africani che vi giocano nutrono nei confronti del calcio africano. Argomento già tirato fuori dopo la decisione della FIFA di “oscurare” la Coppa d’Africa piazzando nello stesso periodo il rinnovato Mondiale per Club.

MAROCCO-RD CONGO, UN LEGAME PROFICUO

L’attaccante Kazadi Kasengu è il nuovo numero nove del Wydad. Ha esordito tre giorni fa realizzando la doppietta che ha permesso ai Rossi di Casablanca di battere il Moghreb Tétouan. L’acquisto di Kazadi è solo l’ultimo di una lunga serie di operazioni di mercato tra il Marocco e la Repubblica Democratica del Congo. Sono ben 10 i congolesi tesserati nella massima divisione marocchina. Due nella rosa del Raja, rivale del Wydad. Proficui fin qui sono stati gli innesti approdati nella sponda verde della città. Anche il Raja, infatti, può vantare un centravanti congolese: quel Ben Malango autore del gol che ha eliminato il Wydad nel derby di Champions League araba in un 4-4 mozzafiato già passato alla storia.

ZAMALEK, ALTRO PASSO VERSO LA MODERNITÀ

Nella settimana in cui lo Zamalek ha festeggiato il suo 109esimo anno di vita e ha ritrovato (a fatica) la vittoria in campionato, la società si è fatta un regalo importante. Da qualche giorno è attivo il canale ufficiale del club chiamato Zamalek TV. L’Al-Ahly non sarà più dunque l’unico club egiziano a vantare un canale tematico (il Pyramids FC lo ha chiuso dopo solo qualche mese di attività). Questo dimostra ancora una volta lo stato di salute del movimento egiziano, o meglio la consapevolezza di quanto sia fondamentale oggi puntare anche sugli aspetti extracalcistici per accrescere il proprio brand.

GHANA, ESORDIO RECORD

Venerdì scorso, Mathew Anim Cudjoe ha fatto il suo esordio nella prima divisione a 16 anni e 53 giorni. Il ragazzo di proprietà dell’Asante Kotoko è subentrato nella gara vinta 3-1 contro il Legon Cities.

PLATINUM, ARIA DI SMANTELLAMENTO

Il club zimbabwiano del Platinum FC, impegnato anche in Champions League, si è disfatto di ben sei elementi della rosa. Si tratta dell’attaccante camerunese Albert Eonde, del portiere Wallace Magalane, di Devon Chafa, Mkhokheli Dube e Charles Sibanda.

Credits

©️CAF

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here